Consorelle defunte

Suor M. Prassede Colonna

> Consorelle defunte > Decedute anno 2018 > Suor M. Prassede Colonna

Bari, 11 giugno 2018

 

Suor M. PRASSEDE COLONNA  di San Giuseppe

Suor M. Prassede Colonna x.jpg

Al Battesimo Maria Giuseppa

Nata a S.Vito dei Normanni (BR) il 03/11/1929

Figlia di Angelo e Lucia Marulli


Entrata in Istituto (Roma) il 25/11/1964

Ammessa al noviziato (Roma) 07/10/1965

Professa temporanea (Roma) il 07/10/1967

Professa perpetua (Bari) il 01/10/1972

Deceduta nella comunità di Bari

il 11 giugno 2018 all’età di 88 anni.





Carissime Madri e Sorelle,

         questa mattina, alle ore 4.45, il Signore ha chiamato a sé, dalla casa di Bari, la carissima Consorella:

                                            SUOR M. PRASSEDE COLONNA

Suor M. Prassede era nata a San Vito dei Normanni (BR) il 3 novembre 1929, aveva ricevuto il sacramento del Battesimo il 7 novembre 1929 e quello della Cresima il 6 novembre 1937, entrambi nella parrocchia del paese, “San Francesco di Paola”, diocesi di Brindisi.

Entrata nel nostro Istituto a Roma il 25 novembre 1964, fu ammessa all’aspirantato il 7 dicembre 1964, al postulantato il 19 marzo 1965 ed al noviziato il 7 ottobre 1965. Emise la Professione temporanea il 7 ottobre 1967 a Roma nelle mani di Suor M. Ottavia Carcione e la Professione perpetua a Bari il 1° ottobre 1972 nelle mani di Suor M. Concezione Saba.

Suor M. Prassede, ha trascorso i primi tre anni della sua vita consacrata a Roma, poi è stata trasferita nella casa di Bari, dove è rimasta fino ad oggi, vivendo con molta semplicità e umiltà, nel servizio della cucina, fin quando le forze fisiche glielo hanno permesso. Negli ultimi anni ha vissuto la preziosa missione della preghiera e dell’offerta della sofferenza, preparandosi all’incontro con lo Sposo celeste.

Preghiamo per questa nostra carissima Consorella perché, presentandosi al Padre, possa dire con S. Paolo: “Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la corsa, ho conservato la fede. Ora mi resta soltanto la corona di giustizia che il Signore, il giudice giusto, mi consegnerà”.

Affidiamo a lei il compito di intercedere per noi presso il Padrone della messe perché invii numerose vocazioni alla Chiesa ed alla nostra Congregazione che, sull’esempio di San Barnaba apostolo, di cui oggi facciamo memoria, annunzino con coraggio il Vangelo di Cristo.

Un caro ed affettuoso saluto a tutte.

                                                                        

Madre Isabella Maria Lorusso

  Superiora Provinciale     

Marino, 11 giugno 2018



 
Torna alla pagina precedente