Suor M. Teodolinda Reale

Archivio

19 mar 2022, Vill. Annunziata


Suor M. Teodolinda Reale del Volto Santo



Carissime Sorelle,

sul finire della solennità di San Giuseppe, la nostra Sorella, Suor M. Teodolinda Reale, dopo un breve aggravamento delle sue condizioni di salute, è ritornata al Padre, all’età di quasi 96 anni, di cui 73 anni di consacrazione allo Sposo divino.

Il nostro ricordo la rivede sempre indaffarata nel giardino che circondava la casa, a seguire il ciclo della natura sistemando le piante e i fiori, raccogliendo frutta e verdura; laboriosa e pronta al sacrificio, al punto che a volte bisognava andare a cercarla per farla rientrare per un po’ di ristoro e di riposo. Tutto questo era di introduzione alla sua preghiera: lunghi tempi davanti a Gesù con la Parola di Dio e i suoi libri di devozione, lo sguardo diretto al Tabernacolo mentre con il cuore chiedeva una nuova fioritura di sante vocazioni per i Rogazionisti e le Figlie del Divino, quale sogno più bello, come scriveva dieci anni fa.



Suor M. Teodolinda, del Volto santo, era nata a Rocca di Caprileone ME, il 12 dicembre 1926, ed era entrata in contatto con il nostro Istituto non solo perché conosceva suor M. Lauretta, sua paesana, ma anche perché in famiglia riceveva “Dio e il Prossimo” e giunse a leggere la biografia del Padre Fondatore, appena scritta dal Padre F.B. Vitale. Entrò nella nostra Comunità di Roma nel 1946, dove compì tutto il cammino formativo e professò nel 1949 nelle mani di Madre M. Longina Casale, fece la professione perpetua a Trani il 26 giugno 1955 nella mani di Madre M. Clotilde Leo.

Mentre la sua partenza vocazionale fu “Dio e il Prossimo”, così il suo cammino apostolico fu principalmente nelle nostre tipografie antoniane, a Campobasso, Roma, Trani, Sant’Eufemia d’Aspromonte, Taormina, San Pier Niceto, Novara di Sicilia, Montepulciano, Messina – Casa Madre, Bari, Firenze dove vi rimase quasi 20 anni, dove non solo raccoglieva frutta, ma anche curava piante e fiori, e poi, nel 2009, Villaggio Annunziata nella cura delle sue Ville, come lei diceva con entusiasmo.

Ringraziamo il Signore per questa Sorella così volitiva nella missione e impegnata nella preghiera a Gesù e a Maria, per il sacrificio quotidiano in cui non si è risparmiata e preghiamo perché presto entri nella Pace eterna e goda dell’odore di Cristo a cui anelava.

Vi saluto fraternamente, incamminate insieme verso la Pasqua.


Madre Isabella Maria Lorusso


Superiora della Provincia - Nostra Signora della Guardia
 

Esci Home