Testimonianza

Giovani di buona volontà

> Testimonianza > Giovani di buona volontà

Innamorarsi del povero

Esperienza estiva presso il Centro Missionario delle Suore del Divino Zelo di Gatare nel sud ovest del Rwanda.

Sveglia alle 7.00.. accoglienza dei bambini.. un’ora di canti e balli per riattivare il fisico.. attività ricreative nelle classi.. pranzo.. pulizia della casa.. bucato.. passeggiata pomeridiana. Questa è più o meno la giornata tipo che io e i mie compagni di gruppo affrontavamo quotidianamente a Gatare, località sperduta tra 1000 montagne collinose, in questo che viene appunto definito il paese dalle 1000 colline, purtroppo conosciuto non tanto per la sua bellezza ma per il genocidio che l’ha colpito nel 1994. Un mondo a sé. Povero, semplice, estremamente accogliente come le persone che lo animano. Ed è proprio questa Povertà che rende così affascinante e armoniosa Gatare.


Prima di partire un mese per il Rwanda mi capitava spesso di leggere o sentir qualcuno descrivere le sensazioni che ti trasmette la vicinanza con le persone “povere” (materialmente).. e mi chiedevo come fosse possibile non sentirsi a disagio quando una mano malata stringe la tua, tanti bimbi sporchi e malvestiti ti fagocitano in un abbraccio.. ora mi chiedo se mai passerà la nostalgia per quegli abbracci e quelle strette di mano quegli sguardi gioiosi, maliziosi e troppo spesso tristi.. che ti riempiono il cuore. Non credo sia tanto importante quello che facevamo nello specifico ma lo spirito con cui abbiamo vissuto questa esperienza e quello che ci ha lasciato dentro.

È difficile raccontare a parole le emozioni, i sentimenti e le riflessioni che ti travolgono e devastano come un fiume, solo una cosa mi è chiara: quando torni a quella che viene definita “vita normale” tutti i tuoi punti di riferimento cambiano, ancor di più le priorità e i progetti..

Niente è più come prima, e questo credo sia una grossa opportunità di crescita personale e relazionale: acquisisce un valore aggiunto se condivisa con altri. Hanno di fatto contribuito a rendere questa esperienza ancor più indimenticabile i mie 4 compagni di viaggio che in ogni momento hanno cercato di dare il meglio di sé: Alice, Chiara, Andrea e Giovanni. Per ognuno di loro vorrei esprimere un grazie:

ad Alice, pur essendo la più piccola ha dimostrato di essere molto matura oltre che estremamente divertente;

a Chiara, per l’affetto sfrenato dimostrato ai bambini e per la sua determinazione nel trattare tutte le persone allo stesso modo azzerando le differenze;

Ad Andrea, colonna portante del gruppo che ci ha fatto capire quanto l’Africa e il Rwanda siano belli e diversi dai preconcetti e dai pregiudizi comuni;

a Giovanni, che è stato un eccezionale esempio da imitare per la sua capacità di comunicare con la popolazione locale.

Infine vorrei ringraziare e ricordare quel vulcano di Suor Rosa che - insieme alle altre suore e novizie - ci ha accolto nella comunità, dimostrandoci tanta dedizione e affetto nonostante le 1000 difficoltà che si ritrova a dover affrontare quotidianamente.

                                                                                           Elena D’Ambrosio





Quando capita di vivere per un periodo breve ma sufficientemente significativo della propria esistenza in un luogo, si assimila, insieme ai ricordi visivi, i più immediati, un’altra memoria, quella dei sensi, inconscia ma più profonda.

 A Gatare si possono riconoscere principalmente 3 odori. Il primo è il più intenso, impossibile non distinguerlo, è quello che si portano addosso tutte le persone, che è ben di più, ben diverso dal semplice odore corporeo, perché mano a mano ti accorgi che in ognuno si distingue una fragranza costante, inconfondibile, che sa un po’ di vita nei campi, di patate e sorgo, di pelle sudata sotto il sole, di case buie di terra, di lunghi tragitti a piedi lungo le strade sterrate, di bestiame, di piedi scalzi consumati, di stoffe sgargianti, di fatica, di sorrisi timidi e di silenzi gravi.

Il secondo odore inconfondibile è però riconoscibile solo dai privilegiati che hanno potuto essere ospiti nella cucina e ai pranzi di Suor Rosa e delle suore, novizie ed aspiranti che, discrete, lavorano e vivono lì, a Gatare, nelle piccole cose e nell’immenso coraggio di ogni giorno.

E poi il profumo migliore, sebbene più vago e sottile, indefinibile: quello delle colline, della terra rossa, dei fiori sorprendenti che crescono spontanei, delle valli del tè di un verde così lucente che sembra brillare di un sole proprio, della foresta smisurata, della terra del Rwanda, che, nonostante ogni orrore, continua ad essere irrimediabilmente incantevole.

Quello che mi sono portata a casa è una mescolanza di tutti questi odori, di questi ricordi, di queste emozioni..

Ma, in realtà, (e a chi è capitato di tornare da un qualsiasi posto dell’Africa lo sa) è praticamente i impossibile riuscire a raccontare qualcosa solo con le parole. La prima cosa che ti viene in cuore di descrivere, sono i bambini. Bambini ovunque (davvero), che ti seguono dappertutto, sporchi, mezzi nudi, smoccolanti in qualsiasi occasione e a qualsiasi altitudine, che ti riconoscono e ti chiamano da due colline di distanza, bimbi piccoli e piccolissimi che interrompono qualsiasi attività per rincorrere la tua auto urlando agacciuppa! Con tutte le forze .